Quali libri sono ideali da leggere quando si viaggia? Da Coelho a Peter Cameron ecco 5 libri da mettere nella propria valigia

MILANO – Leggere e viaggiare sono le nostre due attività preferite, ma se le compiessimo insieme? Quali libri sono perfetti per viaggiare? Ve l’abbiamo domandato ed ecco i 5 libri da leggere durante un viaggio.

1) Un indovino mi disse, Tiziano Terzani

Nel 1976 un indovino cinese avverte Tiziano Terzani, corrispondente dello “Spiegel” dell’Asia: ” Attendo. Nel 1993 corri un gran rischio di morire. In quell’anno non volare mai”. Nel 1993 Terzani si sente stanco, dubbioso nel senso del suo lavoro. Gli torna in mente quella profezia e la vede come un’occasione per guardare il mondo con occhi nuovi. Decide di non prendere aerei per un anno, senza rinunciare al suo mestiere. Il risultato di quell’esperienza è un libro che è insieme romanzo d’avventura, autobiografia, racconto di viaggio e reportage.

2) La città della gioia, Domenique Lapierre

Deluso e amareggiato sotto il profilo professionale, un giovane statunitense lascia il suo paese e va in India, alla ricerca di qualcosa che gli restituisca il senso dell’esistenza , intraprendendo un lungo viaggio dalla ricca America alle bidonville di Calcutta. La realtà che lo aspetta è però sconvolgente , un vero e proprio inferno di miseria e degradazione, nel quale gli uomini cercano di sopravvivere tra topi e scarafaggi, nella assoluta mancanza di mezzi. Ma proprio qui, nelle allucinanti colonie di lebbrosi della “Città della gioia”, in mezzo a inondazioni, fame e malattie, il protagonista riuscirà a ritrovare la forza per riscattarsi.

3) Il filo infinito, Paolo Rummiz

Paolo Rummiz cerca nelle abbazie, dall’Atlantico fino alle sponde del Danubio, i discepoli di Benedetto da Norcia, i quali riuscirono a salvare l’Europa con la sola forza della fede. Gli uomini che le abitano vivono secondo una Regola più che mai valida oggi, in un momento in cui i seminatori di zizzania cercano di fare a pezzi l’utopia dei padri: quelle nere tonache ci dicono che l’Europa è, prima di tutto, uno spazio millenario di migrazioni. Una terra “lavorata”, dove a differenza dell’Asia o dell’Africa, è quasi impossibile distinguere fra l’opera della natura e quella dell’uomo. Una terra benedetta che sarebbe insensato blindare. E da dove se non dall’Appennino, un mondo duro, abituato da millenni a risorgere dopo ogni terremoto, poteva venire questa portentosa spinta alla ricostruzione dell’Europa?Quanto c’è ancora di autenticamente cristiano in un Occidente travolto dal materialismo? Sapremo risollevarci senza bisogno di altre guerre e catastrofi? All’urgenza di questi interrogativi Rummiz cerca una risposta nei luoghi e tra le persone che continuano a tenere il filo dei valori perduti, in un viaggio che è prima di tutto una navigazione interiore.

4) Il cammino di Santiago, Paulo Coelho

Nel suo primo romanzo Coelho accompagna il lettore nel viaggio di Paulo, il narratore lungo il sentiero che conduce a Santiago de Compostela. Un percorso che Paulo deve affrontare per diventare il Maestro Ram e conquistare la spada che lo trasformerà in Guerriero della Luce. Con lui c’è la sua guida spirituale, il misterioso ed eigmatico Petrus. Settecento chilometri in tre mesi, durante i quali Paulo imparerà a riconoscere i suoi demoni personali e a sconfiggerli. Un viaggio interiore ed esteriore, per spiegare che nella vita come in un viaggio non è tanto importante la meta, quanto il cammino stesso.

5) Quella sera dorata, Peter Cameron 

Quella raccontata da Peter Cameron è il viaggio di Omar, un giovane studente di lettere del Kansas che per vincere un’importante borsa di studio, intraprende un viaggio in Uruguay che gli cambierà la vita. Lo scopo è scrivere la biografia di uno scrittore poco conosciuto, un’impresa che risulterà tutt’altro che facile…

Credits: ©libreriamo.it

Chiamaci ora